Analisi spettrofotometriche su opere d’arte moderna
F. Albertin, L. Boselli, E. Peccenini, V. Pellicori, F. Petrucci, F. Tisato
Università di Ferrara

Nella pianificazione di un intervento conservativo su opere moderne e contemporanee, spesso polimateriche e realizzate con materiali pittorici di sintesi, vi è un’evidente necessità di eseguire indagini su tali prodotti, volte a comprenderne in modo approfondito il comportamento fisico.
È in questi casi che la spettrofotometria in riflettanza nell’intervallo spettrale del visibile si rivela particolarmente utile per il riconoscimento precoce di fenomeni di alterazione cromatica, in ragione della sua facilità d’impiego, riproducibilità e accuratezza delle misure, oltre che per la sua portabilità che consente di acquisire misure situ.
In un recente studio, focalizzato sui materiali pittorici, sono stati monitorati nel tempo l’andamento spettrale e i parametri colorimetrici di alcune stesure cromatiche realizzate con Bianco di Titanio, in olio di lino e resina acrilica, parzialmente sottoposte a invecchiamento artificiale (come mostrato nella figura a destra).
Le misure sono state effettuate con lo spettrofotometro CM2600-d Konica Minolta.
A supporto di tali indagini, l’Analisi delle Componenti Principali (PCA) è stata impiegata, per identificare e discriminare in modo immediato le variazioni riscontrate sui campioni considerati. Il grafico a sinistra mostra l’applicazione della PCA sui dati spettrali ricavati dalle misure effettuate sulle porzioni irraggiate e non irraggiate dei riquadri W10 e W16 di Bianco di Titanio in legante acrilico. Questo lavoro ha confermato la validità del binomio misura spettrofotometrica - analisi multivariata come tecnica di monitoraggio di superfici pittoriche. La sensibilità a minime alterazioni cromatiche è risultata ottima, grazie all’analisi PCA, nonostante le misure fossero circoscritte allo spettro visibile. Il contributo della Colorimetria è stato duplice. In primo luogo ha permesso di valutare la debole entità delle variazioni cromatiche rilevate, quantificandole al di sotto della soglia di visibilità. Secondariamente, ha individuato parametri utili a interpretare le alterazioni nel tempo. I grafici sottostanti mostrano gli spettri di riflettanza medi relativi alle misure effettuate sui riquadri W10 e W16, con e senza irraggiamento (a sinistra) e i risultati colorimetrici, a* e b*, ottenuti sulle stesse campiture (a destra).
Sono state effettuate misure spettrofotometriche anche nel corso del restauro di un dipinto su tela del 1867, una semilunetta di grandi dimensioni raffigurante L’Industria, originariamente collocata presso la Galleria Vittorio Emanuele II di Milano e attualmente conservata presso la Galleria d’Arte Moderna.
L’immagine (Copyright © Comune di Milano, Galleria d’Arte Moderna) mostra la distribuzione dei vari punti di misura sulla pellicola pittorica indagata. (CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE)
Le informazioni ottenute si sono inserite, nel corso di questo open studio, con lo specifico scopo di:
  1. seguire l’intervento di restauro difficoltoso su un’opera d’arte che versava in condizioni di degrado particolarmente gravi;
  2. determinare il livello appropriato di correzione/stabilizzazione del danno;
  3. valutare la riuscita dell’intervento e la sua eventuale invasività, costituendo contemporaneamente un supporto scientifico all’intervento e a eventuali restauri futuri.
I dati colorimetrici hanno in particolare consentito di stimare in modo oggettivo l’impatto delle fasi di pulitura e di consolidamento, confrontando tra loro gli effetti indotti dai diversi prodotti impiegati e dalle relative metodologie applicative. Il grafico riporta i valori delle variazioni di colore relativi ai vari punti dopo la pulitura (rosso) e dopo consolidamento (blu). I dati sono stati calcolati utilizzando la formula CIEΔE2000.
Le misure spettrofotometriche hanno costituito uno strumento di misura efficace e oggettivo, a supporto di un intervento conservativo mirato alla specificità del manufatto studiato.
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
via Luigi Pirandello, 21 - 20099 Sesto San Giovanni (MI)
tel. 02 36526477 - fax 02 36526538 - info@csarcheometria.it